3
Mag
pulizia-3.jpg__1280x720_q85_crop_subsampling-2

GLOSSARIO: I TERMINI DELLA PULIZIA PROFESSIONALE (Parte Seconda G-Z)

I

  • INCERATORE A CALDO  Accessorio applicabile alla macchina adibita alla manutenzione del parquet. Grazie alla resistenza collegata alla macchina, eroga cera calda disciolta e fluidificata.
  • INIEZIONE – ESTRAZIONE (macchine o detergenti)  Macchine o detergenti speciali da impiegarsi per il lavaggio di moquettes, tappeti, poltrone e divani. La macchina è munita di apposito spruzzatore/succhiatore, che spruzza e aspira contemporaneamente la soluzione di detergente. Il detergente per estrazione è un detergente a bassissima schiuma adatto a queste macchine.
  • INSETTICIDI  Composizioni che esplicano un’azione mortale nei confronti degli insetti (vedi disinfestanti). Richiedono registrazione ministeriale come Presidi Medico-chirurgici.
  • IPOCLORITI  Composti chimici che in soluzione acquosa liberano l’acido ipocloroso, il quale svolge azione disinfettante, ossidante e sbiancante.

L

  • LAVAINCERA  Composizione a base di detergenti e cere. Viene diluita in acqua e utilizzata per lavare e lasciare nel contempo un film di cera sul pavimento. Il lavaincera autolucidante lascia un film continuo di emulsione metallizzata acrilica. Il lavaincera lucidabile lascia un velo di cera lucidabile (emulsioni di cere naturali o sintetiche).
  • LAVASCIUGA (macchina)   Macchina combinata per il lavaggio dei pavimenti, munita di spazzole, dischi rotanti o rulli e di aspiratore per il lavaggio e la contemporanea aspirazione della soluzione sporca.

M

  • MANTENITORE- DETERGENTE  Detergente per pavimenti ad azione moderata, per il lavaggio di superfici incerate, che non intacca i film cerosi protettivi.
  • METALLIZZATA  (Vedi emulsioni metallizzate). Il termine “metallizzata” in realtà sta a indicare che il prodotto cerante contiene ioni metallici (normalmente zinco) che hanno la funzione di legarsi ai gruppi carbossilici della sostanza filmogena per ottenere un appropriato bilanciamento tra capacità di resistere ai lavaggi e rimovibilità con deceranti, nonché per cementare le resistenze meccaniche.
  • MICROFIBRA  Tessuto sintetico caratterizzato da una particolare struttura delle fibre e dotato di un elevato potere distaccante che, unitamente alla soluzione detergente, migliora le prestazioni di rimozione dello sporco.
  • MONOSPAZZOLA (macchina)  Macchina industriale usata principalmente per lavare e/o lucidare i pavimenti. È munita di un disco di diametro variabile (il più usato è il diametro 40-45cm). Le macchine a bassa velocità (150-200 giri/min) vengono utilizzate per i lavaggi, mentre le macchine ad alta velocità (400-2000 giri/min) vengono utilizzate per le lucidature spinte (sistema buffing).
  • MOP  Attrezzo per effettuare il lavaggio manuale dei pavimenti. È formato da un’asta con in cima un fiocco di frangia di cotone di peso variabile che serve per applicare al pavimento, e successivamente assorbire, la soluzione di lavaggio. L’attrezzo è generalmente abbinato a un carrellino con due secchi ed uno strizzatore. Un secchio è per la soluzione pulita e l’altro riceve la soluzione sporca recuperata dal pavimento.

P

  • POLISH   Composizione pulente e/o lucidante e/o protettiva per superfici dure; questi effetti si ottengono per strofinio del prodotto sulle superfici. Si hanno polish per superfici verniciate (auto, mobili, metalli, eccetera) o per superfici grezze (rame, bronzo, argento, oro, eccetera).
  • PREPARATO   Miscela di due o più sostanze. I preparati pericolosi sono classificati ed etichettati ai sensi del D.M. n. 46 del 28/01/92*.
  • PROTETTIVO ANTIGRAFFITI   Composizione da applicare sui muri per facilitare l’eliminazione delle scritte (graffiti) realizzate con vernici, pennarelli eccetera.

Q

  • QUATERNARI (sali d’ammonio)   Composti ad azione tensioattiva e biocida. Sono usati in formulazioni disinfettanti o sanificantti; sono attivi su batteri, funghi e molti virus, ma non hanno un’azione sporicida né tubercolicida.

S

  • SANIFICANTI, SANITIZZANTI, IGIENIZZANTI  Composizioni che contribuiscono all’abbattimento della carica microrganica dalle superfici, senza però disporre della registrazione ministeriale come Presidi Medico-chirurgici. Non possono, quindi, vantare proprietà germicide.
  • SAPONI   Prodotti ottenuti dalla saponificazione (reazione con alcali) di acidi grassi o esteri di acidi grassi. Impropriamente sono chiamati saponi anche composizioni tensioattive non strettamente derivate da saponificazioni (per esempio, saponi liquidi lavamani o saponi in polvere per bucato).
  • SCOPATURA A UMIDO O ANTISTATICA  Tecnica che fa uso di scopa a frangia trattata con garza inumidita, o di scopa a trapezio con garze pretrattate (garze usa e getta), per effettuare una efficace spolveratura dei pavimenti, senza sollevamento della polvere.
  • SCOPA A FRANGE   Scopa di tipo industriale formata da un’asta fissata su uno snodo e da un telaio sul quale è sistemata una frangia di cotone. I telai sono di varie dimensioni: da 30 cm. fino a 160 cm. Sulla frangia può essere applicata una garza per la scopatura a umido.
  • SCOPA A TRAPEZIO   Scopa di tipo industriale formata da un’asta fissata su uno snodo e da un telaio a forma trapezoidale. Sul telaio sono applicate delle garze prettrattate. Sono utilizzate per la scopatura ad umido.
  • SHAMPOO PER MOQUETTES   Prodotto schiumoso a residuo secco, utilizzato nel lavaggio della moquette. Viene utilizzato con macchina schiumatrice (shampoonatrice) o con monospazzola munita di apposita spazzola. Le shampoonatrici sono macchine munite di spazzole che producono schiuma. Possono essere anche munite di compressore per preformare la schiuma.
  • SIGILLANTI E TURAPORI    Composizioni generalmente a base di emulsioni acriliche o epossidiche o soluzioni di resine per il trattamento turapori di pavimenti porosi come il cemento, il cotto, il legno eccetera.
  • SOLVENTE  Sostanza liquida atta a sciogliere altre sostanze.
  • SPRAY- BUFFING/ SPRAY-CLEANING (prodotto o sistema)   Sistemi per la pulizia e/o lucidatura a secco da effettuarsi periodicamente sui pavimenti protetti e non, mediante l’utilizzo di monospazzola a media-alta velocità (da 400 a 2.000 giri/min), munita di apposito disco (rosso, bianco, crema e fibra naturale).

*MINISTERO DELLA SANITA’, DECRETO MINISTERIALE 28 gennaio 1992 :classificazione e disciplina dell’imballaggio e della etichettatura dei preparati pericolosi in attuazione delle direttive emanate dal Consiglio e dalla Commissione delle Comunita’ europee.

Creare e diffondere la cultura del pulito, attraverso la proposta di strumenti e metodi che sono all’avanguardia, sia per tecnologia, sia per modalità, sia per redditività di esecuzione implica una qualità della vita dei servizi imprescindibile alla base della filosofia di Solo Servizi Alberghi. Offrirli  e mantenerli diventa un imperativo categorico dell’operato della nostra società. Conseguirli e mantenerli utilizzando metodi e strumenti idonei diventa una logica conseguenza. Il Glossario informativo di Solo Servizi Alberghi  si propone di offrire una panoramica generale, ovviamente perfettibile, ma nel suo piccolo completa e aggiornata di cosa sia possibile ascrivere alla voce “pulizia” per quanto riguarda l’aspetto igienico, tecnico, organizzativo ed economico. Si rivolge alle strutture ricettive che hanno la responsabilità di garantire un servizio adeguato alla utenza finale.

Solo Servizi Alberghi ha l’ambizione di suggerire, di indicare e, soprattutto,  fornire qualsiasi apporto che contribuisca a rendere  efficaci e produttivi i servizi offerti.

 

 

 

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati*

Contatti





NOME:

E-MAIL:

MESSAGGIO:



S.S.A. SOLO SERVIZI ALBERGHI

00178 Roma (RM)

Tel. +39 06 92956768

Fax : +39 06 92956768

E-Mail: info@soloservizialberghi.it