8
Mar
igiene

IGIENE ALIMENTARE:Normative per la Sicurezza in Albergo

Il controllo igienico dei prodotti alimentari è regolato in Italia dal decreto legislativo n.155 del 26 maggio 1997, che definisce i requisiti per locali ed attrezzature connessi all’attività di ristorazione. Inoltre la direttiva comunitaria n.43 del 1993 ha stabilito che anche le aziende di produzione alimentare europee devono ricorrere all’HACCP,  che è il sistema di controllo americano utilizzato per analizzare e tenere sotto controllo i punti critici di un processo di produzione alimentare che comporta operazioni quali: preparazione, trasformazione, fabbricazione, confezionamento, deposito, trasporto, distribuzione, vendita o fornitura. A livello di legislazione igienico-sanitaria l’introduzione dell’HACCP non ha portato variazioni a quanto previsto dai regolamenti regionale e comunale.

Per progettare il sistema HACCP gli esperti mettono in atto attività quali:

  • Uno studio preliminare delle attività di ristorazione;
  • La ricostruzione ed analisi del ciclo produttivo (operazioni logistiche)
  • L’individuazione dei punti critici di controllo ossia ogni fase in cui si può verificare una alterazione o una contaminazione che può essere prevenuta, eliminata o ridotta;
  • La definizione di soglie critiche  entro le quali il prodotto è salubre
  • La definizione di procedure di sorveglianza (sequenze di misurazioni, osservazioni,registrazioni) dei punti critici di controllo per verificare se si rientra o meno nelle soglie critiche;

In ambito ristorativo l’applicazione di questo sistema ha permesso un maggior controllo del rispetto delle norme igienico-sanitarie per gli alimenti. Inoltre grazie all’utilizzo dell’HACCP è possibile elevare la conoscenza degli operatori sulle problematiche igienico sanitarie; infatti gli addetti al food&beverage devono verificare se le procedure da loro applicate sono in linea con il piano di autocontrollo per la ristorazione. Il personale deve quindi essere molto attento a:

  1. Curare l’igiene della persona
  2. Usare le mani in modo appropriato (per esempio, evitare di manipolare eccessivamente i cibi cotti)
  3. Conservare in ambiente appropriato i cibi (refrigerare correttamente, non far stazionare i cibi a temperature pericolose, riparare con coperchio ecc.)
  4. Porre attenzione a insetti e roditori

La normativa sugli alimenti ed il decreto legge n.155 prevedono diverse sanzioni per gli esercizi inadempienti, ad esempio qualora la violazione consista nella mancata individuazione dei punti critici di controllo o nell’inosservanza delle disposizioni igieniche la sanzione oscilla tra i 1500 e 9000 euro.

I servizi SSA-Solo Servizi Alberghi conducono con attenzione le operazioni  di  la dedicata formazione relativa all’adozione dell’HACCP e del personale per il food&beverage.

:

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati*

Contatti





NOME:

E-MAIL:

MESSAGGIO:



S.S.A. SOLO SERVIZI ALBERGHI

00178 Roma (RM)

Tel. +39 06 92956768

Fax : +39 06 92956768

E-Mail: info@soloservizialberghi.it