28
Set
tax_time2

Alberghi: perché aggiungere un altro onere e adempimento?

Tra qualche giorno gli albergatori inizieranno a pagare l’imposta sulla televisione.

Il balzello è stato imposto qualche mese fa dal governo Renzi e serve appunto a finanziare l’Istituto mutualistico Artisti Interpreti o Esecutori (Imaie), ovvero la collecting che gestisce i diritti connessi di artisti, interpreti o esecutori.

“Manca solo che ci facciano pagare la pensione ai calciatori poi le abbiamo viste tutte – commenta Angelo Berlangieri, presidente dell’Unione albergatori della provincia di Savona, ai microfoni della Stampa – del resto molti dei nostri clienti in televisione guardano le partite di calcio”.

Come spiega Berlangieri, gli albergatori già pagano alle reti televisive canoni e abbonamenti maggiorati, proprio in quanto pubblici esercizi. Le stesse reti pagano, a loro volta, diritti agli autori, ai produttori e agli interpreti/esecutori dei programmi – compresi film e simili – che trasmettono. “Dunque – si chiede – perché gli albergatori dovrebbero pagare di nuovo gli stessi diritti già pagati dalle reti? Gli albergatori ad oggi, già pagano per i televisori posseduti i diritti d’autore e i diritti ai produttori di fonogrammi. Perché aggiungere un altro onere e adempimento?”. E incalza il premier Matteo Renzi: “Qualcuno può pensare che un turista scelga di soggiornare in un albergo perché così ha la possibilità di vedere un determinato film? La presenza della televisione in camera è motivazione di viaggio o soggiorno?”.

In Italia il turismo genera circa il 10% del pil nazionale. E, per questo, gli albergatori chiedono al governo di trattarlo in modo serio. “Le tv in camera sono uno dei tanti servizi di ospitalità alberghiera – conclude Berlangieri – non certo un fattore di competitività o di ritorno economico diretto o indiretto”. Eppure, a seconda delle stelle e del numero di camere, gli albergatori si troveranno a pagare allo Stato una gabella che oscilla tra i 32 e i 181 euro all’anno oltre al canone Rai che, per loro, supera i mille euro all’anno.

Tu cosa ne pensi?

3 Commenti
  1. Alberto Monetti settembre 28, 2015

    Siamo veramente stanchi.
    Ci hanno preso per dei bancomat.
    Dopo imposte e tasse varie vedi per ultimo imposto di soggiorno il cui fine turistico è un eufemismo, la presa in giro dell’imposta sui fonografi ci mancava solo questa…
    Perché non fanno nulla contro abusivismo a cielo aperto ed agevolazioni ad agriturismi che di “agri” non hanno nulla.
    D’altronde cose ci si poteva aspettare da Renzi che per primo ha introdotto l’imposta di soggiorno per sanare i buchi del bilancio del comune di Firenze e della locale azienda di trasporto pubblico……….

    Rispondi
    • adriana sommadossi settembre 28, 2015

      E’ una vergogna!!! Fino a quando avremo qualcosa – in immobili – terreni – risparmi – attività , soprattutto piccole e medie, troveranno il modo di spremerci fino a farci rimanere
      nulla tenenti, soprattutto per chi ha creduto di investire nella propria azienda e si trova con dei mutui da pagare.
      Scusatemi ma questa è la mia opinione.

      Rispondi
  2. Egger hermine settembre 28, 2015

    Siamo stanchi lavoriamo come i pazzi per chi non vuol lavorare, e chi a studiato per fare nuove regole per pagare

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati*

Contatti





NOME:

E-MAIL:

MESSAGGIO:



S.S.A. SOLO SERVIZI ALBERGHI

00178 Roma (RM)

Tel. +39 06 92956768

Fax : +39 06 92956768

E-Mail: info@soloservizialberghi.it